Vito Dell’Aquila: delusione europea, ma c’è tempo per recuperare

773

‘Sono davvero molto deluso’: così esordisce Vito Dell’Aquila, 20enne taekwondoka di Mesagne, qualificato ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Nella capitale bulgara, in occasione dei Campionati Europei di Taekwondo, che si è tenuta nella bolla del Millennium Hotel di Sofia dall’8 all’11 Aprile scorso, il pugliese non ha di certo brillato, finendo per cedere agli ottavi all’atleta britannico Mason Yarrow dopo una prestazione alquanto sottotono, in cui sono emerse tutte le difficoltà del rientro dopo una lunga pausa, dettata dalla pandemia di Covid 19.

vito dell'aquila

Vito è apparso lento nei movimenti e molto scarico, non è riuscito a imporre il suo ritmo, suo marchio di fabbrica e questo ha finito per pesare nell’economia dell’incontro. Da altro canto Mason Yarrow, che come Vito puntava su un ritmo forsennato, avendo avuto un incontro di rodaggio vinto contro il croato Marko Lipovac, non ha avuto problemi a imporsi su un Vito, chiaramente in giornata no. La delusione del nostro portacolori è palpabile dalle sue parole:

‘da quando è scoppiata la pandemia, ho continuato ad allenarmi come se nulla fosse, dando il massimo in tutto quello che facevo, e mi dispiace che una giornata no abbia vanificato tutto. Purtroppo questo è il Risultato e bisogna accettarlo’.

Ma ancora più evidente è la sua determinazione e voglia di riscatto:

‘La sconfitta brucia, non vedo l’ora di ritornare ad allenarmi e correggere tutto ciò che ho sbagliato per ritornare vittorioso dalla prossima competizione’.

Ultimo ma non meno importante il suo pensiero riguardo il rientro sul tatami:

‘sono felicissimo di esser ritornato sui campi di gara a fare quello che più amo e al contempo rilassato, consapevole di aver finalmente rotto il ghiaccio’.

In attesa di conoscere il calendario delle prossime competizioni pesantemente condizionato dal COVID, non possiamo che augurare a Vito un grossa in bocca al lupo per le prossime competizioni e soprattutto per la rassegna a cinque cerchi.